“Forse nei toni e nel linguaggio non siamo stati eccellenti, abbiamo esagerato”. Lo ammette ai microfoni di Radio24 il deputato del M5S Riccardo Fraccaro a proposito del monito di Enrico Letta sulla bagarre con Laura Boldrini, polemica sulla quale il premier ha parlato di “deriva barbarica”. Il parlamentare pentastellato, però, puntualizza: “E’ difficile mantenere la calma, avrebbe difficoltà ogni cittadino di fronte al fatto che hanno calpestato il regolamento e la Costituzione, hanno regalato 7,5 miliardi alle banche private, i soldi di cui i cittadini hanno disperatamente bisogno. Di fronte a questo” – continua – “abbiamo esagerato perché soffriamo con i cittadini che non arrivano a fine mese e ci arrabbiamo. Certamente dobbiamo mantenere la calma, usare espressioni diverse. Per noi è difficile, siamo ancora onesti e siamo rimasti quelli che eravamo prima di candidarci. Certo è che cambiare tono non è cambiare la forza di come faremo opposizione”. Ma sul caso esploso per i commenti apparsi sul blog di Grillo contro il presidente della Camera sottolinea: “Scuse a Boldrini? Non posso chiedere scusa per chi non conosco, sono persone che rispondono dei loro commenti. Ricordo un episodio di qualche mese fa, quando il Pd ci ha attaccato per un commento a un post di Grillo e poi si è scoperto che il commentatore era un attivista del Pd”. E aggiunge: “La Presidente ha usato in maniera abnorme e incostituzionale il suo ruolo, non ci sentiamo rappresentati, non ci sentiamo tutelati come minoranza, credo che il Paese avrebbe bisogno di un altro Presidente della Camera”. Su un tweet pubblicato da Claudio Messora, videoblogger e capo ufficio stampa del M5S, sulla Boldrini e sulle sue parole pronunciate ieri a “Che tempo che fa” Fraccaro non ha dubbi: “Di Messora non rispondo, mi dà assolutamente fastidio di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stop a ddl pensioni d’oro, Meloni: “Segnale pessimo. Squallido il no di Pd e Sel”

prev
Articolo Successivo

FI, Gasparri su M5S e Di Battista: “Esibizionisti pericolosi, vanno fermati”

next