Copertina di Luca Bertazzoni sulla bufera che ha coinvolto Nunzia De Girolamo. Il giornalista raccoglie le proteste di svariati dipendenti del 118 e intervista Michele Rossi, direttore Asl di Benevento e uomo di fiducia del ministro: nega assolutamente che esistano ditte vicino ai partiti. Rossi rivela di essere statto nominato direttore generale dell’Asl senza aver fatto alcun concorso, perché non previsto: “Ma sono stato sempre autonomo e indipendente, non seguivo le indicazioni di De Girolamo”. Un lavoratore del 118 spiega a Bertazzoni come venisse chiesto di iscriversi al Pdl per poter lavorare al 118. Il lavoratore dice di essersi tesserato al Pdl. E’ proposta quindi una ricostruzione della testimonianza resa da Felice Pisapia che racconta ai magistrati che, in realtà,Michele Rossi voleva danneggiare Sanit, la ditta che aveva l’appalto per favorirne altre, come la Modisan, considerata vicina al Pdl: “Vengono rimandati i pagamenti ad una società privata per fini politici”. Bertazzoni chiede lumi ad alcuni dipendenti della Modisan, che però non si sbilanciano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michelle Bonev, l’attrice indagata per diffamazione contro la Pascale

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Cacciari su caso De Girolamo: “E’ un sistema corrotto”

next