La parte peggiore della crisi è dietro le spalle, assicurano Draghi, Letta e Saccomanni. Ma è davvero così? Nel vox di inizio 2014 di ‘Uomo da marciapiede’ di Piero Ricca lo abbiamo domandato ai cittadini in strada e ora rivolgiamo la domanda a voi: il nuovo anno segnerà l’inizio della ripresa o una fase ancor più acuta della sofferenza sociale? Tra le persone intervistate alcuni vedono pur deboli segnali positivi, molti altri sono pessimisti: “le cose andranno male per almeno quattro o cinque anni”. C’è chi si sente rassicurato dal governo Letta e chi teme che le promesse di riscatto provenienti da pulpiti istituzionali intendano soltanto sopire l’opinione pubblica. Si sente la voce di chi non vede alternativa alla fuga all’estero, di chi contesta “le cosiddette politiche di rigore e austerity“, di chi pensa che a questo punto solo una “rivoluzione del sistema economico” potrebbe garantire una via di uscita da una crisi ormai strutturale. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina, musica Nicola Gelo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, Grillo incorona uomo dell’anno il falso interprete al funerale di Mandela

next
Articolo Successivo

Scelta Civica alla deriva. I centristi si tirano il loden e reclamano posti nel governo

next