Si è aperta sulle note di C’era una volta il West la quotazione della Leone Film Group, la società degli eredi del regista italiano, Sergio Leone. Il prossimo passo sarà portare a Palazzo Mezzanotte anche Leonardo Di Caprio, con la prima del nuovo film di Scorsese The Wolf of Wall Street. “Stiamo cercando di organizzare la prima del film qui in Borsa”, ha detto Andrea Leone, presidente della Leone Film Group, nel giorno del debutto (mercoledì 18 dicembre) sull’Aim della società cinematografica, che è partita e ha poi concluso la seduta in cauto rialzo (+1,08% a 4,85 euro)

“È la più grande quotazione sull’Aim fino ad oggi”, ha sottolineato l’ad di Borsa Italiana, Raffaele Jerusalmi, osservando che “è una settimana fortunata” per Piazza Affari, alla luce anche del successo dell’Ipo di Moncler. Con i proventi della quotazione, i figli di Sergio Leone, Raffaella e Andrea, puntano ad “implementare le attività di business” rivitalizzando il brand paterno e facendo anche da ponte tra l’industria cinematografica italiana e gli Stati Uniti. L’Aim è “solo il punto di partenza” spiegano i due fratelli, che non escludono di sottoscrivere in futuro nuovi accordi come quello con la DreamWorks di Spielberg. In cantiere c’è anche una sceneggiatura inedita sull’antica Roma scritta da Sergio Leone prima dei rinomati western, per la quale è stato contattato David Franzoni, l’americano premio Oscar per il Gladiatore.

Dietro l’angolo intanto c’è la prima dell’ultima opera di Scorsese, acquistato dalla Leone Film, che dovrebbe essere proiettato al cinema Odeon di Milano intorno al 10 gennaio 2014. Palazzo Mezzanotte invece potrebbe ospitare la cerimonia e “forse ci sarà anche Leonardo Di Caprio”, ha annunciato Andrea Leone. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Film di Natale 2013, nelle sale Frozen e Philomena. Non solo cinepanettoni

prev
Articolo Successivo

The Butler, le lacrime di Obama per la storia di Cecile Gaines

next