Un corteo di cinquanta persone ha bloccato per ore il traffico di Bologna con un corteo non violento, ma che ha messo in crisi la circolazione delle auto e dei mezzi pubblici per tutta la giornata. La manifestazione era partito in mattinata come un presidio davanti alla sede di Equitalia, ma presto la situazione è stata presa in mano da diverse persone che si rifacevano al movimento dei Forconi e da altre vicine all’estrema destra. Vaghe e disparate le richieste di chi protestava: “Via dall’euro, politici e banchieri a casa”, oltre a cori da stadio contro Giorgio Napolitano e i parlamentari.  Così, senza scontri, ma bloccando completamente il traffico in varie zone del centro, con gli autobus pubblici bloccati e incolonnati a decine nei pressi della stazione  e della prima periferia, i manifestanti si sono spostati e hanno deciso di fermarsi in piazza Maggiore da dove promettono di ripartire col nuovo giorno di David Marceddu 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pescara, bloccata banda di falsi trader. Volevano truffare anche lo Ior

prev
Articolo Successivo

Arresti no Tav, attacchi contro cantiere richiamano anarchici da tutta Italia

next