Pasquale D’Elia capo centrale dello stabilimento Tirreno Power di Vado Ligure, è indagato per disastro colposo. Lo si apprende da fonti della procura della Repubblica riportate dal sito de Il Secolo XIX. Restano invece riservati i nomi degli altri due manager indagati. D’Elia è stato interrogato nei giorni scorsi dai titolari dell’inchiesta, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere in merito alle emissioni della centrale a carbone.D’Elia era stato indagato anche nell’altra inchiesta, condotta dall’antimafia di Genova, per lo smaltimento delle ceneri dello stabilimento.

A inizio novembre era arrivata la svolta della procura di Savona che aveva iscritto una decina di persone sul registro degli indagati per disastro ambientale. L’altro filone era appunto quello per omicidio colposo e lesioni colpose contro ignoti, da cui era scatta l’inchiesta nel 2011. In questo senso si attendono le risultanze di analisi epidemiologiche che valutino la causalità tra decessi ed emissioni della centrale. Secondo uno studio compiuto da consulenti della procura, nell’area della centrale ci sarebbero mille morti in più per cancro rispetto ai parametri scientifici presi a riferimento. L’indagine è condotta dal procuratore Francantonio Granero e dal sostituto Chiara Maria Paolucci. L’azienda si è sempre difesa sostenendo che “Tirreno Power svolge la propria attività produttiva nel rispetto delle normative secondo quanto previsto in termini di tutela dell’ambiente” e recentemente ha messo online i dati sulle emissioni sul suo sito.

A gestire l’impianto è la Tirreno Power, partecipata al 39 per cento da Sorgenia, società del gruppo Cir della famiglia De Benedetti. Gli altri azionisti di Tirreno Power sono Gdf Suez (50 per cento), Iren (5,5 per cento) ed Hera (5,5 per cento).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Erg, indagato l’ex ad Alessandro Garrone per frode fiscale da 900 milioni

next
Articolo Successivo

Caso Uva, ministero Cancellieri avvia azione disciplinare per pm Varese

next