Hanno dovuto staccare i respiratori per farsi ascoltare, ma alla fine dal governo è arrivata una risposta. E’ il premier Enrico Letta, al termine della riunione del Consiglio dei ministri ad annunciare la decisione dell’esecutivo: presentare un emendamento alla legge di stabilità che riguarda il “ripristino completo delle somme legate alla non autosufficienza” e fra queste quelle per i malati di Sla. La decisione dell’esecutivo è arrivata solo dopo la manifestazione del Comitato 16 novembre, che si batte per i diritti dei malati di Sla: il segretario dell’associazione, Salvatore Usala, ha staccato il suo respiratore, convincendo il governo a ricevere una delegazione di malati e mettere all’ordine del giorno le loro richieste. Esulta il Comitato 16 novembre. “E’ stata durissima – dice ai microfoni de ilfattoquotidiano.it la vicepresidente Mariangela Lamanna –  con oltre 10 presidi fatti in pochi mesi da persone in condizioni di salute delicatissime e a grave rischio  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alluvione in Sardegna, Tav e Cancellieri: trova le differenze

prev
Articolo Successivo

Scontri No Tav a Roma, Letta: “Ieri oltrepassato il limite, scene ingiustificabili”

next