Per il terzo giorno consecutivo Genova è bloccata. Lo sciopero ad oltranza del trasporto pubblico ha messo in ginocchio la città. Gli autisti sfilano sin dalle prime ore dal mattino per le vie del centro. Protestano contro la privatizzazione annunciata lunedì in consiglio comunale. “Il 7 maggio di quest’anno sindacati e Comune hanno firmato un accordo per Amt (azienda municipale per il trasporto pubblico) – spiega Andrea Gatto sindacalista del Faisa – l’amministrazione garantiva di ricapitalizzare l’azienda e di evitare la privatizzazione” per fare questo, tra cassa integrazione, ferie e contratti di solidarietà, gli autisti hanno rinunciato a 9 milioni di euro che gli spettavano. “Sembra che il sindaco Doria voglia prendere esempio da Renzi – continua il sindacalista – che ha privatizzato e lasciato 200 esuberi”. Per tutto il giorno i manifestanti sono rimasti davanti alle porte del Comune dove alle 16.30 è cominciato il consiglio a porte chiuse, in serata è prevista l’approvazione dell’emendamento sulla privatizzazione di Amt  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attenuanti generalizzate

prev
Articolo Successivo

Caos trasporti a Genova, Bersani: “Da Grillo polemiche astratte”

next