Scontro in consiglio dei ministri. Da una parte, Andrea Orlando, titolare dell’Ambiente. Dall’altra, Flavio Zanonato, ministro dello Sviluppo Economico. Al centro della disputa, il decreto di legge sulla green economy, che prevede tra l’altro gli acquisti ecologici da parte della pubblica amministrazione. Il risultato dello scontro è stato il rinvio dell’approvazione del ddl. La contrapposizione si è consumata tutta all’interno del Pd e, in particolare, tra due sostenitori di Gianni Cuperlo alla segreteria del partito.

Il decreto di legge era stato fortemente voluto dal ministro dell’Ambiente. Orlando ha proposto una moratoria sulla costruzione di nuovi termovalorizzatori oltre a quelli già previsti, osservando che quelli “già esistenti sono ampiamente sottoutilizzati”. Ma Zanonato, a quanto si apprende da fonti ministeriali, si è opposto allo stop a nuove costruzioni.

Il confronto serrato è poi proseguito anche su un altro tema, la morosità sulle bollette dell’acqua. Il titolare dell’Ambiente ha sostenuto che l’acqua, come ribadito dal referendum del 2011, è un bene pubblico e quindi, prima di bloccarne l’erogazione, bisogna disciplinare per legge le modalità di sanzione. Di opposto avviso il ministro dello Sviluppo Economico, che ha definito diseducativa la posizione di Orlando e ha obiettato che così si scarica sugli operatori il costo della morosità. A favore del ministro dell’Ambiente è intervenuto anche Graziano Del Rio, titolare degli affari Regionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, reddito cittadinanza con Imu, tagli a difesa e pensioni d’oro. Fassina: “Balle”

prev
Articolo Successivo

Legge di stabilità, Pd: “Rivalutare le pensioni basse”. Pdl: “Vendere spiagge”

next