Un’ambulanza è stata investita da un treno in transito a livello di Pontida (Bergamo). L’incidente ha causato la morte di due persone a bordo del veicolo, un anziano malato e suo figlio, diretti a una vicina casa di riposo. Si aggravano anche le condizioni del conducente, trasportato in codice rosso all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Altri due uomini, invece, sono feriti lievi: si tratta del macchinista del treno, contusa ad una mano, e un passeggero.

Secondo una prima ricostruzione sembra che non si siano abbassate le sbarre del passaggio a livello. L’ambulanza non era del 118, ma di una casa di cura locale. La linea ferroviaria Lecco-Bergamo, gestita da Trenord, è stata bloccata. L’azienda spiega che a bordo del convoglio vi erano una ventina di passeggeri. Sul posto sono intervenuti operatori del 118, carabinieri e vigili del fuoco.

”Sul luogo dell’incidente si sta recando l’assessore alle Infrastrutture Maurizio Del Tenno per coordinare gli interventi. Come Regione stiamo seguendo direttamente la situazione e apriremo un’inchiesta per accertare le responsabilità. Vogliamo capire cosa sia successo”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Priebke sepolto nel cimitero di un carcere”. Ecco la tomba del boia delle Ardeatine

prev
Articolo Successivo

Camorra, arrestato il boss che “scatenò” la faida di Scampia

next