Umberto Bossi si prepara a riprendersi la segreteria federale della Lega Nord. Ai cronisti che gli chiedevano se si sarebbe ricandidato al prossimo congresso del Carroccio, ha risposto: “Penso di sì. In giro c’è una montagna di gente che si è spaventata nel vedere quello che è accaduto. Le espulsioni e il sospetto che la Lega possa finire mi spingono a tornare per sistemare le cose”. Il nuovo leader del partito sarà scelto dalle primarie del movimento e poi nominato ufficialmente dal congresso federale che si terrà a Torino il 15 dicembre. L’attuale segretario Roberto Maroni ha annunciato l’intenzione di non volersi ricandidare per lasciare spazio a “giovani rampanti”. Per evidenti ragioni anagrafiche, il governatore della Lombardia non pensava certo a un ritorno del suo predecessore, ma guardava nella direzione di Matteo Salvini e Flavio Tosi. Il Senatur potrebbe quindi competere nell’ascesa alla segreteria con il sindaco di Verona, ormai diventato uno dei suoi maggiori oppositori interni.

Ma non parla di solo del suo partito Umberto Bossi, durante la cerimonia di intitolazione di una piazza di Lazzate (Monza e Brianza) a un ex sindaco leghista. “Forza Italia? La sola parola Italia mi fa venire l’orticaria”, ha risposto a chi gli ha chiesto un commento sulla rinascita del partito di Berlusconi. E sul Cavaliere ha aggiunto: ”Tutti dicono che decadrà ma, anche se decade, Berlusconi ha i voti e li può indirizzare. Anche lui è stato tradito dal suo partito perché il sistema si è comprato gli uomini chiave del suo partito ed è capitato più o meno anche a me così”. Il senatur è intervenuto anche su una possibile discesa in campo di Marina Berlusconi: ”Basta lui a far politica, non c’è bisogno della figlia. Lascerei perdere i figli… perché uccidono”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Larghe intese, fenomenologia del capezzone

prev
Articolo Successivo

Pdl in blocco contro Bruti Liberati: “Odia Berlusconi, non può giudicarlo”

next