Quanto sta succedendo in questi giorni in Italia è gravissimo e pericoloso, non sono certo io la sola a capirlo, anzi presumo con semplicità che tutti i cittadini ne siano coscienti e consapevoli; non voglio iniziare a commentare le scelte di un uomo ormai al tramonto e, forse, anche alla disperazione viste le ultime scelte ma credo sia opportuno fare qualche riferimento alle persone e ai parlamentari che da anni lo seguono con entusiasmo e coerenza.

In questi ultimi giorni, cioè dal momento in cui Silvio Berlusconi ha deciso da solo di fare dimettere i ministri del Popolo delle libertà/(forse) Forza Italia, la spaccatura sembrava avvenuta, il suo movimento monolitico e carismatico si stava avvitando su se stesso e probabilmente qualcosa dovrà ancora succedere, le contraddizioni tra coloro che sarebbero colombe e i cosiddetti falchi sono venute allo scoperto. Da una parte si è tentata un’azione di forza di chi vuole mettere il governo e il Paese con le spalle al muro con un ricatto e dall’altra chi, finalmente, con responsabilità ha detto basta, l’Italia ha bisogno di un governo e di stabilità.

Nel Pdl qualcosa di inaspettato si sta verificando e la confusione tra fedeltà e lealtà, forse, è conclusa. Pensiamoci bene, sinora i dirigenti ed i parlamentari del Pdl hanno avuto un comportamento di fedeltà con il proprio “padrone”, la fedeltà è certamente una virtù ed è un impegno morale con cui le persone si vincolano con obbligo ad un altro  gruppo (Pdl–Berlusconi) e si basa sulla fiducia, non ha quindi nessun limite, si ha fiducia e si segue il “padrone” in relazione a qualsiasi scelta lui compia.

Altra cosa, invece, è la lealtà. Un atto comportamento differente e in questi giorni Alfano, Giovanardi, Micchichè e gli altri hanno sciolto il “vincolo” di fedeltà per una scelta di Lealtà; lealtà a Berlusconi: non hanno tradito, sono stati leali e hanno esposto la loro posizione, coerentemente con le scelte fatte da quando è iniziato il governo delle larghe intese di Letta, leali con il governo in quanto come Ministri conoscono bene la situazione all’interno. La lealtà è un comportamento di carattere per cui una persona ha atteggiamenti di correttezza e sincerità in situazioni particolarmente difficili e complicate che necessitano di scelte. Le colombe sono leali con i valori che rappresentano, hanno scelto la coerenza alle loro scelte e idee e non hanno seguito la fedeltà a Silvio Berlusconi.

Il Paese ha necessità di persone serie e consapevoli dell’azione sino ad ora seguita dal governo, persone non più disponibili a seguire la rabbia e la delusione di un uomo che non accetta la sua condanna. Silvio Berlusconi ha sempre parlato di garantismo, e sono d’accordissimo con lui, ma lui e il suo partito hanno anche sempre cavalcato il tema della certezza della pena e ora, caro Presidente Silvio Berlusconi metta in pratica quanto ha sostenuto sino a ieri: sconti la sua pena e non metta il Paese in difficoltà per i suoi problemi personali che nulla hanno a che fare con i cittadini italiani. Sono felice della scelta delle “colombe” e credo realmente nel procedere fortemente verso una nuova legge elettorale e soprattutto sono contenta che grazie a questa scelta di lealtà al Paese si potranno portare a termine tutti i decreti emanati. Una nuova Italia sta nascendo…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vito Crimi, Grasso apre istruttoria per frase su “incontinenza” di Berlusconi

prev
Articolo Successivo

Privilegi, quanto è bello fare il grande statista

next