”E’ chiaro che ho molto da imparare dal dibattito in corso sull’ evoluzione della famiglia: ho sentito le numerose reazioni in tutto il mondo alle mie parole che mi hanno rattristato e depresso”. Guido Barilla si scusa così, con un videomessaggio in inglese su facebook, per l’affermazione sui gay che ha scatenato un gran polverone nei giorni scorsi contro l’azienda di Pedrignano. Il presidente di Barilla aveva annunciato in una intervista che “non faremo uno spot con una famiglia gay perché la nostra è una famiglia tradizionale”, facendo scattare su twitter una campagna di boicottaggio con l’hashtag #boicottabarilla.

“Non vedo l’ora di incontrare i gruppi che rappresentano nel modo migliore l’evoluzione della famiglia“, ha aggiunto il presidente del gruppo, precisando che “in Barilla abbiamo cura di tutti, senza distinzioni di razza, religione, fede, sesso o orientamento sessuale”. E ha concluso così: “A tutte le persone – amici, famiglie, dipendenti e partner commerciali – che si sono sentite toccate o offese, chiediamo sinceramente scusa“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razzismo, un caso al giorno di cattiva informazione e odio contro rom e sinti

next
Articolo Successivo

Barilla: conflitti di pasta

next