“Buon lavoro a Comunione e Liberazione”. Tiziana Ciprini, deputata del M5S, attacca duramente CL durante i lavori in Aula di Montecitorio: “Qual è il nesso che lega un movimento religioso ed ecclesiale ad esponenti politici e membri delle istituzioni di uno Stato Laico?” Chiede la deputata. “In nome di Dio ci dicano qual è la potente lobby di politici, di imprenditori, di banchieri che sta dietro all’organizzazione, ci dicano quanti e quali sono gli esponenti di destra e di sinistra che devono a loro la propria carriera”. La Ciprini continua affermando che: “Comunione e fatturazione, Commistione e lottizzazione è una setta catto-affarista che attraverso il braccio armato nell’economia, ovvero la Compagnia delle Opere, con vergognosa ipocrisia e spudoratezza, sfrutta il brand di Dio per perseguire meri interessi terreni di natura economica e non certo spirituale”. La deputa del M5S termina il suo intervento ricordando che “Don Giussani voleva portare la Chiesa nella società, i suoi successori hanno trasformato la Chiesa in una società per azioni, con la benedizione dei politici e non certo con quella di Gesù Cristo”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un Paese ricattato da un delinquente

prev
Articolo Successivo

La Costituzione è come la grammatica

next