Davanti alla Corte di Cassazione, Gianfranco Mascia del Popolo viola brinda alla notizia della condanna definitiva di Silvio Berlusconi a 4 anni per frode fiscale per il caso Mediaset. La sentenza prevede anche il rinvio alla Corte d’Appello di Milano per la riformulazione della pena accessoria, cioè l’interdizione ai pubblici uffici che dovrebbe passare da 5 a 3 anni secondo la richiesta del Procuratore generale. Si chiude così la lunga attesa dinanzi al palazzaccio a Roma, dove nelle ore precedenti alla lettura della sentenza, avvenuta intorno alle otto di sera, non sono mancati i battibecchi tra passanti e manifestanti pro e contro Berlusconi  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carfagna: “Per noi Berlusconi è innocente”. Al cronista del Fatto: “Lei è poco serio”

next
Articolo Successivo

Condanna B., Esercito di Silvio capisce male e festeggia. Poi urlano: ‘E’ un golpe’

next