“Lasciamo lavorare i giudici”. Non dice altro, Pierluigi Bersani, ai giornalisti che gli chiedono se il rinvio della Direzione nazionale del Pd abbia a che fare con i tempi della Cassazione che sta per giudicare Silvio Berlusconi nel terzo grado del processo Mediaset. Lo stesso fa la giovane Marianna Madia, che entrando a Montecitorio si stizzisce: “Perché dobbiamo parlare prima della sentenza? Io aspetto, è una cosa troppo importante”. E di “processo del lunedì, pieno di Biscardi che annunciano bombe dopo la sentenza” parla Ermete Realacci, che spiega: “Abbiamo fatto la campagna elettorale più antiberlusconiana della nostra storia. Gli italiani non ci hanno capito. Anche per questo è nato questo governo, che deve affrontare impegni prioritari per il Paese”. E se invece il Pd riuscisse ancora una volta a resuscitare Berlusconi, anche dopo una condanna definitiva? Paola Concia risponde ridendo: “Certo, in quello siamo stati bravissimi in passato. Speriamo di riuscire a imparare dagli errori, questa volta”  di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediaset, Scanzi vs Gasparri: “Lei è il Brad Pitt del centrodestra”

next
Articolo Successivo

Lombardia, il leghista consulente in Regione: “Grazie al mio curriculum”

next