La Fiom – Cgil in corteo per chiedere “lavoro e democrazia in Fiat”. Migliaia di tute blu hanno sfilato per le strade di Roma per “bloccare il processo di deindustrializzazione con la chiusura degli stabilimenti in Italia”. “Si preferisce portare tutto in America e qui la Fiat sta scomparendo”, denunciano i lavoratori dello stabilimento di Pomigliano. Per il segretario generale Fiom – Cgil Maurizio Landini che incontrerà il presidente della Camera Laura Boldrini e il ministro dell’Economia Flavio Zanonato, “il governo deve al più presto prendersi le sue responsabilità realizzando un piano industriale serio”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimmi come twitti e ti dirò se ti assumo

next
Articolo Successivo

La leggenda dei 200mila nuovi posti di lavoro

next