Tutti i giorni i giornali aprono con i nostri dissidenti, ma quello che è successo è una cosa normale in un’organizzazione di milioni di persone. C’è chi non è d’accordo e chi si fa abbindolare dai soldi”. Così, in trasferta a Ragusa, Beppe Grillo torna sulle polemiche degli ultimi giorni che hanno investito il Movimento 5 Stelle dopo l’espulsione della senatrice Adele Gambaro. Il leader dei 5 Stelle è in Sicilia per sostenere al ballottaggio delle elezioni comunali Federico Piccitto. Per Grillo la conquista della città siciliana è fondamentale: è l’unico capoluogo in cui un candidato del Movimento è arrivato al ballottaggio. Lo sfidante dei 5 Stelle, Giovanni Cosentini, è appoggiato da una grande coalizione che va dal Pd all’Udc, alla lista Megafono del governatore Rosario Crocetta. Durante il comizio, dal pubblico arriva una richiesta: “Vai in televisione”. E Grillo risponde: “Ci ho lavorato per tanti anni e so come funziona, se vai a parlare con Gasparri hai già perso. Io sono disponibile, ma in diretta e senza pubblicità”  di Giorgio Ruta

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pdl, Ravetto: “Da Scanzi non mi farei toccare con un dito. Cicchitto è più bello”

prev
Articolo Successivo

Emergenze ambientali, la Camera approva la fiducia al governo Letta

next