“Un pacchetto a costo zero“. Il ministro per la Pubblica amministrazione Gianpiero D’Alia ha presentato così le disposizioni sulle semplificazioni per cittadini e imprese approvate dal Consiglio dei ministri. Il ddl prevede quattro deleghe al governo sul riassetto normativo e la semplificazione amministrativa in materia di beni culturali e tutela del paesaggio, scuola e ricerca e ambiente.

Una serie di misure che, specifica il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi, “hanno l’obiettivo di facilitare la vita dei cittadini e anche quella delle imprese”. Il decreto è suddiviso in due parti: “La prima – ha spiegato D’Alia – contiene una serie di norme di codificazione”, un nuovo “taglia leggi“, mentre la “seconda contiene altre misure di semplificazione su oneri amministrativi ulteriori” oltre a quelle contenute nel decreto fare.

“Le semplificazioni sul cambio di residenza e sulle relative dichiarazioni che vanno insieme alle tasse sui rifiuti – ha aggiunto D’Alia – consentiranno anche di poter perseguire meglio l’evasione fiscale, con accertamenti più rapidi”. Inoltre vengono introdotte ”una serie di semplificazioni anche fiscali come l’esonero della dichiarazione di successione” nel caso di eredità non superiori ai 75.000 euro che riguardano il coniuge e i figli”. 

Fuori dalla porta del Consiglio dei ministri è invece rimasta l’Iva, tema caldo di questi giorni. “Il tema non è stato toccato”, confermano D’Alia e Patroni Griffi.  E nel Consiglio dei ministri di venerdì non ci sarà il provvedimento di riforma della legge Fornero, come confermato dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Graziano Delrio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, cittadini psicologi cercasi per superare il complesso del padre

prev
Articolo Successivo

Partiti, sondaggio Ipr: crollo dei 5 Stelle. Centrosinistra e centrodestra pari

next