Si è buttato dal ponte della Torino Pinerolo. Così è morto Cosimo Catalano, 40 anni,  imputato nel processo Minotauro, nato dalla maxi-inchiesta sulla presenza della ‘ndrangheta in Piemonte e sui suoi tentativi di condizionare la vita politica nel torinese.

Le motivazioni del suo gesto non sono ancora chiare, ma secondo Carlo Romeo, il legale che lo difendeva nel processo, “quello di Cosimo Catalano è un suicidio connesso all’aggressione del patrimonio di famiglia”. Per ora, però, il legale non si sbilancia ulteriormente, ritenendo la questione “molto delicata”.  

La famiglia Catalano, infatti, era stata colpita lo scorso anno dal sequestro anticipato dei beni finalizzato alla confisca. La misura di prevenzione era stata disposta dal tribunale su richiesta della procura.

Questo è il secondo lutto che colpisce la famiglia Catalano: un anno fa a suicidarsi, lanciandosi dal balcone di casa, era stato il padre di Cosimo,Giuseppe, ritenuto il boss della locale di Siderno in Piemonte e che in quel periodo si trovava agli arresti domiciliari.

La sera prima del suicidio Cosimo era stato ricoverato in ospedale per un forte stato di agitazione. A dare l’allarme, alcuni automobilisti di passaggio. Sulla dinamica dei fatti indagano gli agenti della polizia stradale e la squadra mobile. Dai primi rilievi effettuati, però, non sembrano esserci dubbi sul fatto che si tratti di suicidio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Domenico Quirico, appello della Federazione internazionale dei giornalisti

prev
Articolo Successivo

Fisco, il grossista di gioielli: “Il modo più diffuso di evadere? Vendere senza fattura”

next