Oggi abbiamo presentato il video che l’Associazione Luca Coscioni ha prodotto su Piera, una malata terminale di cancro al fegato che ho accompagnato in Svizzera per l’eutanasia.
Piera mi chiese di accompagnarla perché non aveva trovato nessuno disposto a farlo. Sono pronto ad assumermene la responsabilità, anche per il futuro, aiutando chi ce lo chiederà. 

Voglio e vogliamo, come radicali, denunciare lo scandalo di una legislazione che produce eutanasia clandestina o esilio della morte, per chi riesce ad ottenerli. Con la raccolta firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare vogliamo imporre la questione nell’agenda politica: dopo aborto e divorzio, e come dovrebbe essere anche per la droga o la fecondazione assistita, la legalizzazione è l’unica strada per governare problemi sociali immensi che il potere preferisce ignorare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kyenge, la fierezza del ministro: “Sono nera e l’Italia non è un paese razzista”

prev
Articolo Successivo

Pari Opportunità, critiche a Biancofiore. “Come Nobel per la pace a Kim Jong-un”

next