Il premier siriano è scampato ad un attentato nel centro di Damasco. Lo rende noto la tv degli hezbollah. Secondo fonti Hezbollah, vicine al presidente Bashar al Assad “il premier Wael al-Halki è uscito illeso da un’autobomba che aveva come obiettivo il suo convoglio”. In precedenza la tv siriana aveva riferito di “un’esplosione terroristica” vicina al parco Ibn Rushed a Damasco.

Secondo fonti della Bbc l’esplosione è avvenuta vicino ad una scuola nel centro della capitale siriana nel quartiere di Mazzeh e “ci sarebbero vittime”: un particolare, nell’esplosione sarebbe morto uno degli uomini della scorta del premier. Tre persone invece sarebbero rimaste ferite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezuela, sullo sfondo della guerriglia la vera guerra è per l’industria elettrica

prev
Articolo Successivo

Francia, il 78% dei cittadini è favorevole all’inciucio all’italiana

next