L’Ue come la Svizzera. La Commissione europea intende limitare i salari dei dirigenti di tutte le società quotate nell’Unione. Lo ha detto il commissario Ue al Mercato interno, Michel Barnier, intervistato dal Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung.

“Per tutte le aziende quotate in Borsa nell’Ue, gli azionisti dovranno decidere il livello dei salari, compresi i paracadute dorati. E le remunerazioni dovranno essere più trasparenti”, ha detto Barnier. “Si tratta di tornare ad un’economia sociale di mercato”, ha spiegato.

La Commissione Ue prevede di presentare di qui a fine anno un pacchetto di misure simili a quelle decise dalla Svizzera che, nei giorni scorsi, attraverso un referendum, ha approvato un’iniziativa popolare per porre un freno alle “retribuzioni abusivee vietare liquidazioni e paracaduti dorati per i vertici delle aziende quotate in Borsa. 

Barnier si è detto anche fiducioso sulle possibilità di un compromesso con Londra sul tetto ai bonus dei banchieri, dopo che nei giorni scorsi l’accordo è slittato proprio per la contrarietà della Gran Bretagna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fitch ci declassa il rating, e in Italia è rissa verbale

prev
Articolo Successivo

L’Ue non crede alla Spagna: “Bankia non ci restituirà i 22 miliardi di prestiti”

next