E’ tornato “Peppe ‘o cric”. Figura che a Napoli, i più anziani ricorderanno, evoca gli anni del dopoguerra dove povertà e maceriefame e carestia contribuirono a trasformare anche le persone più “oneste” in criminali.

Ora, siamo in tempo di pace, non ci sono i carri armati in strada e gli arei non sganciano bombe sulle città, ma la crisi economica è la stessa: morde e la povertà non fa ragionare. Sono effetti collaterali paragonabili a quelli di un conflitto bellico. Napoli nel bene e nel male è una cartina di tornasole. Un laboratorio di tendenze dove i corsi e ricorsi storici qui subiscono una repentina accelerazione di più di altre latitudini e longitudini. Da un passato che sembra davvero non voler passare è riemerso “Peppe ‘o cric”.

Negli anni ’60 a Napoli era famoso un mastodontico e forzuto ladro di pneumatici conosciuto in gergo col nomignolo appunto di “Peppe ò cric” perché riusciva a sollevare il lato di una macchina e farla poggiare sui “pezzotti” dal complice e sfilare le quattro gomme. Il caleidoscopio del tempo ce lo ha rimandato e si è materializzato nelle strade partenopee. Ne sanno qualcosa i tanti automobilisti che – specialmente di notte – si vedono l’auto depredata delle quattro ruote e poggiata su mattoni cotti o su di una grossa pietra di tufo. Senza parole. Non sono immagini in bianco e nero ma a colori. Segnalazioni giungono di continuo ai centralini del “113” come del “112” ma sembra che i furti in realtà ne siano molti di più.

Nella maggior parte dei casi i napoletani non sporgono denuncia – sono abituati a ben altri furti – lo giudicano un danno fastidioso ma rimediabile. Allora accade che una volta trovati i bulloni a terra, l’auto poggiata sulle pietre e senza gomme, svolte le “normali” imprecazione, attribuite le “solite” colpeistituzionali”, contemplata la sfortuna di essere nati a Napoli, autoconvintisi che è tempo di lasciare la città, ci si attacca al cellulare e si dà il via alla catena di Sant’Antonio convincendo nel pieno della notte parenti e amici a cedere la propria ruota di scorta.

“Apparati” i quattro pneumatici, qualche ora dopo il fattaccio: la prima tappa obbligatoria è dal gommista (monterà anche un bullone di sicurezza) mentre le successive sono per la riconsegna – porta a porta- dei pneumatici presi o meglio estorti in prestito. E’ consigliabile nessun commento. Meglio fischiettare. “Peppe ‘o cric” è tornato per colpa dello spread. E pensare che il grande Eduardo De Filippo in “Napoli milionaria” già stava raccontando il nostro tempo prima del nostro tempo compreso “Peppe ‘o cric”. Come dice Don Gennaro: “In mezzo all’imbroglio di una guerra, la delinquenza viene a galla”, ma è anche vero che prima o poi “Addà passà ‘a nuttata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimissioni papa, l’ultimo giorno di Benedetto XVI dà il via alla Sede Vacante

next
Articolo Successivo

Elezione Papa, Sodano: “Conclave solo quando presenti tutti gli elettori”

next