La strage dei bimbi in Connecticut è certamente la più drammatica. Ma è solo l’ultima di una lunga serie che ha insanguinato gli Stati Uniti, da quella di Columbine a quella di Virginia Tech, con 30 morti, passando per quella di Batman. Ecco l’elenco:

20 aprile 1999 – COLUMBINE: due studenti della Columbine High School di Denver (Colorado) – Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 – aprono il fuoco e uccidono 12 loro compagni ed un insegnante prima di togliersi la vita. Nelle settimane successive, dall’inchiesta emerse la loro simpatia per le idee neonaziste.

21 marzo 2005 – TERRORE IN RISERVA INDIANA: Un ragazzo di 16 anni uccide il guardiano e poi spara su compagni di scuola e insegnanti del liceo Red Lake High School, nella riserva indiana di Red Lake (Minnesota), uccide sei persone e ne ferisce 14 prima di suicidarsi.

2 ottobre 2006 – LA STRAGE DI AMISH: Un uomo prende in ostaggio alcuni studenti della scuola di Nickel Mines, un villaggio Amish della contea di Lancaster (Pennsylvania), fa uscire i ragazzi e lega le ragazze con funi e manette. Poi uccide 5 giovani alunne e ne ferisce altre 5 poi si uccide.

17 aprile 2007 – LA TRAGEDIA PIU’ GRANDE: Un killer apre il fuoco in due diverse aree del grande complesso Virginia Tech e uccide due persone in un dormitorio e altre 30 in un edificio dove erano in corso le lezioni.

14 febbraio 2008 – ILLINOIS UNIVERSITY: Un ex studente armato con due pistole ed un fucile irrompe in un’aula della Northern Illinois University ed apre il fuoco uccidendo cinque persone e ferendone una quindicina. Il killer poi si suicida.

18 gennaio 2011 – SPARI IN CALIFORNIA: Tre studenti feriti alla Gardena High School da un giovane con una pistola nella zainetto. I colpi sarebbero spartiti accidentalmente.

8 dicembre 2011 – VIRGINIA TECH: Il complesso, teatro del massacro 2007, torna sulle prime pagine e l’America rivive un incubo. La sparatoria causa due morti, un agente e il killer.

27 febbraio 2012 – ORRORE IN OHIO: Nell’affollatissima caffetteria della Chardon High School, vicino Cleveland, un ragazzo spara cinque colpi: il bilancio è tre morti.

2 Aprile 2012 – TERRORE IN CALIFORNIA: Un ex studente entra in una classe della Oykos University, Oakland, e spara ai suoi ex colleghi. Alla fine si contano sei morti e tre feriti.

24 agosto 2012 – SPARATORIA DAVANTI L’EMPIRE STATE BUILDING: Uccide il suo ex datore di lavoro in mezzo alla strada a pochi passi dall’Empire State Building. Poi cerca di fuggire ma viene bloccato dalla polizia e inizia una fitta sparatoria che lascia a terra senza vita l’assassino e nove feriti.

20 luglio 2012 – LA STRAGE DI BATMAN: Un uomo mascherato da Jocker entra in un cinema ad Aurora, in Colorado, e apre il fuoco sul pubblico che stava guardando la prima di Batman uccidendo 12 persone e ferendone oltre 50.

28 settembre 2012 – LICENZIATO FA STRAGE A MINNEAPOLIS: Entra nell’ufficio da cui era stato licenziato, a Minneapolis, e apre il fuoco sul suo ex datore di lavoro e diversi colleghi. Bilancio: tre morti e 4 feriti. Poi si uccide.

21 ottobre 2012 – DRAMMA DELLA GELOSIA: un uomo di 45 anni entra nel salone di bellezza di un sobborgo di Milwaukee, in Wisconsin, dove lavora la moglie – che lo ha appena lasciato – e apre il fuoco. Poi si punta la pistola alla tempia e si uccide. Bilancio: tre morti, oltre il killer, e quattro feriti.

11 dicembre 2012 – FOLLIA IN CENTRO COMMERCIALE: Un uomo con un fucile semiautomatico apre il fuoco contro la folla di un centro commerciale di Portland, Oregon, uccidendo due persone e ferendone diverse altre. Il killer indossava un giubbotto antiproiettile e una maschera da hockey. E’ ucciso dalla polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sparatoria Connecticut, Obama si commuove: “Crimine atroce. Basta armi”

next
Articolo Successivo

Usa, nonostante le stragi la lobby delle armi ottiene garanzie dal potere politico

next