Sono migliaia i NoTav che hanno percorso i sentieri ghiacciati della valle di Susa per raggiungere le recinzioni del cantiere dell’alta velocità in val Clarea. Per tutto il pomeriggio attivisti e forze dell’ordine sono stati gli uni davanti agli altri: slogan, bandiere e qualche tentativo di dialogo. Scesa la notte gran parte dei NoTav hanno lasciato i boschi, il centinaio di attivisti rimasti ha iniziato un lancio di pietre e bombe carta, mentre gli agenti usavano idranti e lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Uno di questi è stato ferito da un candelotto che, sparato dalle forze dell’ordine, è rimbalzato in terra prima di colpire il NoTav. La fuga dei manifestanti è stata resa difficile dal buio e dal sentiero ghiacciato, in molti hanno deciso di proseguire nei boschi senza sentieri tracciati, per evitare i gas lacrimogeni  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

No Tav, pietre e petardi a Chiomonte. Chiusa per tre ore l’A32

prev
Articolo Successivo

Monti passeggia per Milano: applausi e qualche contestazione

next