Gli agenti della squadra mobile di Caserta, diretta dal vicequestore Angelo Morabito, hanno arrestato nove persone ritenute presunte affiliate al clan dei casalesi-gruppo Zagaria. Tra i destinatari dell’ordinanza vi sono anche tre fratelli e un nipote del boss Michele Zagaria, arrestato lo scorso dicembre. Gli indagati sono accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Gli arrestati sono tutti ritenuti dagli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che hanno coordinato le indagini, elementi di spicco della cosca capeggiata, appunto, da Zagaria.

Le indagini hanno svelato il coinvolgimento dei nove indagati in due diverse vicende estorsive, di cui è rimasto vittima un imprenditore casertano. L’imprenditore infatti, assillato dai debiti contratti con gli usurai, per farvi fronte è stato costretto, dietro le minacce del clan Zagaria, a vendere attrezzature e altri beni della propria azienda agricola. Uno dei tre fratelli arrestati è Antonio, ritenuto dalla squadra mobile casertana il reggente della cosca dopo l’arresto del boss avvenuto il 7 dicembre dello scorso anno, dopo una latitanza durata oltre 16 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanità Puglia, appalti e escort: chiesti 6 anni per l’ex vicepresidente Frisullo

prev
Articolo Successivo

Un’avvocatura di sana e robusta costituzione?

next