Bruno Tabacci è il vero outsider delle primarie del centrosinistra. Lo dimostra anche il logo messo a punto dai democratici, dove, al fianco dei “fantastici quattro” della Marvel (Vendola, Renzi, Bersani e Puppato), il candidato figura come Silver Surfer, l’ex antagonista poi convertitosi alla causa del bene. L’assessore al Bilancio del Comune di Milano è una candidatura troppo “centrista”? Oppure, come ha dimostrato a Milano, con la difesa del registro delle unioni civili di Giuliano Pisapia, ha dimostrato di essere indipendente dai diktat degli ambienti cattolico-conservatori? Rispondete al nostro sondaggio e scrivere le vostre domande   di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie centrosinistra, sfida tv: scontro su Casini, tutti uniti nel “no” a Marchionne

next
Articolo Successivo

Casini: “Via Porcellum, o saremo spazzati via. Ma nuova legge non è anti Grillo”

next