Lombardo agisce con metodi politico-mafiosi. Meno male che oggi andremo al suo commiato finale, se ne vada affanculo una volta per tutte, lui e i suoi compagni di merende“. L’accusa è di Cateno De Luca, consigliere regionale di Forza Del Sud e candidato presidente in Sicilia per Rivoluzione siciliana, durante la trasmissione radiofonica “24 Mattino”, su Radio24. Il deputato è attualmente sotto processo per concussione e falso in atto pubblico. “Il mio arresto mi fu preannunciato dal presidente Lombardo” – rivela il politico – “Non so se lui è mafioso e non me ne frega niente, questo lo accerterà la magistratura ma che agisca con metodi politico-mafiosi lo assicuro, in Sicilia lo sanno tutti”. Sul suo caso giudiziario De Luca aggiunge: “C’è una norma che stabilisce chi è candidabile e chi no. Ormai siamo diventati tutti stronzi perché c’è la moda del giustizialismo. Ci siamo rotti le scatole“. E si difende: “Io non ho mai rubato, non ho mai avuto niente a che fare con la mafia: sono vicende che poi col tempo cadono e si pretende che uno rimanga fermo sei, sette, otto anni, quanto dura un cazzo di processo in Italia”. Affondo anche per Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle: “Questi grillini sono pupi nelle mani del nuovo puparo genovese. Vogliono fare un codice penale apposito? Vincano le elezioni nazionali, modifichino il codice di procedura penale”. E conclude: “Magari vorranno la ghigliottina per chiunque venga toccato da problemi con la giustiziadi Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia ha bisogno di voi

next
Articolo Successivo

Fine corsa, il dopo sé che preoccupa B.

next