A questo punto tutto è chiaro, spero si capisca. 

Non è in campo una riforma migliorativa del Porcellum, se toccano la legge elettorale è solo per togliere il premio di maggioranza alla coalizione, quindi per mettere tra parentesi le coalizioni, quindi per arrivare a un nuovo Parlamento in cui l’unica maggioranza possibile  sarà di nuovo un governo di unità nazionale. Presieduto – logicamente – da Monti. Non c’è una terza possibilità.

Quindi se vogliamo che alle elezioni sia in campo non dico una favolosa alternativa, ma almeno la possibilità di escludere del tutto il centro destra dal governo, dobbiamo tenerci stretto il Porcellum.

Però chiedendo e imponendo – grazie alla maggiore attenzione che c’è sul tema “pulizia e qualità della politica” – una correzione di fatto: che i partiti, o i comitati promotori di liste elettorali, facciano delle vere consultazioni preventive o primarie per decidere chi sono i candidati parlamentari e soprattutto in che ordine di priorità vengono presentati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, Guardia di Finanza nella sede del consiglio regionale del Piemonte

next
Articolo Successivo

Il fallimento dei Governatori

next