A questo punto tutto è chiaro, spero si capisca. 

Non è in campo una riforma migliorativa del Porcellum, se toccano la legge elettorale è solo per togliere il premio di maggioranza alla coalizione, quindi per mettere tra parentesi le coalizioni, quindi per arrivare a un nuovo Parlamento in cui l’unica maggioranza possibile  sarà di nuovo un governo di unità nazionale. Presieduto – logicamente – da Monti. Non c’è una terza possibilità.

Quindi se vogliamo che alle elezioni sia in campo non dico una favolosa alternativa, ma almeno la possibilità di escludere del tutto il centro destra dal governo, dobbiamo tenerci stretto il Porcellum.

Però chiedendo e imponendo – grazie alla maggiore attenzione che c’è sul tema “pulizia e qualità della politica” – una correzione di fatto: che i partiti, o i comitati promotori di liste elettorali, facciano delle vere consultazioni preventive o primarie per decidere chi sono i candidati parlamentari e soprattutto in che ordine di priorità vengono presentati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, Guardia di Finanza nella sede del consiglio regionale del Piemonte

prev
Articolo Successivo

Il fallimento dei Governatori

next