C’era una bellissima atmosfera sabato sera a Vasto.

Sensazioni forti ed emozionanti, da “stato nascente” di una certa Idea dell’Italia, intransigente sui valori non negoziabili, rigorosa e irriducibile nella richiesta di verità e giustizia per Paolo Borsellino e per tutti i martiri di mafia.
Le parole pesanti come pietre e commoventi di Luigi Ligotti, quelle appassionate e consapevoli di Saverio Lodato insieme al racconto pacato ed essenziale di Antonio Ingroia sono stati tasselli importanti di un unico “racconto” al quale con le mie parole e attraverso azioni coerenti ho dato il contributo della mia storia politica e della mia identità culturale, distinta ma non distante da quelle presenti sul palco e nell’enorme platea.

Da sabato anche io avrò la mia foto di Vasto e la conserverò gelosamente e con orgoglio, sopratutto per cercare di salvaguardare l’immagine e la storia di quella parte della destra Italiana che non ha e non vuole avere niente in comune con certe immagini e certe pratiche vergognose di questi giorni e di questi anni.

E che comunque ha avuto il coraggio di un dito puntato e di una rottura radicale determinante per la caduta di Silvio Berlusconi e del suo stuolo di maggiordomi.

Una destra che non intende più negoziare sui valori, che vuole tenere alta la bandiera di Paolo Borsellino e che non permetterà mai più che la propria storia sia contaminata dai Fiorito e dai Dell‘Utri, dal denaro e dalle collusioni con affaristi e mafiosi.

So che anche stavolta questo mio intervento raccoglierà i soliti commenti sulle nostre responsabilità e sulle vecchie alleanze: è il prezzo che accetto di pagare per questa lunga marcia nel deserto che, insieme ad altri, ho scelto di affrontare tra mille insidie e incomprensioni, tradimenti e delusioni. Una marcia che spesso mi fa sentire politicamente apolide ma finalmente libero: e chissà se “questa certa idea dell’Italia”, libera dalle mafie e più giusta e solidale non possa contribuire ad affermarla insieme ai volti e alle storie ritratte nella mia foto di Vasto….

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Veneto, ai 60 consiglieri un “fuori busta” da 2100 euro al mese

next
Articolo Successivo

Riforma elettorale: siamo fuori tempo massimo?

next