Un miliardo di euro in sgravi fiscali. Questa, secondo quanto riporta oggi la Repubblica,  la richiesta che si prepara ad avanzare la Confindustria al governo in vista dell’incontro di mercoledì prossimo. Risorse che gli industriali vorrebbero fossero liberate  attraverso il credito d’imposta per fare investimenti in innovazione e ricerca, con l’obiettivo, sostengono, di ridurre il divario di competitività e aumentare l’occupazione. Ma soprattutto alleggerire il carico fiscale sulle imprese. 

E se il ministro del Welfare, Elsa Fornero, indirettamente ha già dato il suo via libera promettendo, via Corriere della Sera, il taglio del cuneo fiscale alle imprese virtuose con i lavoratori. Bisognerà però vedere cosa ne pensa il ministro del Tesoro Vittorio Grilli, che ha come priorità il reperimento di 6 miliardi di euro per evitare il nuovo incremento dell’Iva. Tanto più che Grilli ha già posto il veto alla detassazione degli investimenti infrastrutturali. 

D’altro canto sul tavolo del governo ci sono 150 tavoli di negoziato aperti per 180mila lavoratori coinvolti e con almeno 30mila posti che rischiano di saltare. L’associazione guidata da Giorgio Squinzi, tuttavia, ritiene realistico recuperare tra 600 milioni e 1 miliardo grazie alla spending review e al riordino degli incentivi alle imprese, dopo che il consulente Francesco Giavazzi ne ha suggerito l’azzeramento proprio per recuperare 10 miliardi da indirizzare alla riduzione del cuneo fiscale. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dieci anni di costo della vita (Il paradosso del rappresentante sborone)

prev
Articolo Successivo

Riformismo: solo chiacchiere e diversivo

next