“Lasciare è difficile, ma l’addio è necessario”. Il Trentino Alto Adige dovrà fare a meno di uno dei suoi politici più affezionati. Luis Durnwalder, governatore in carica dal 17 marzo 1989, in occasione della tradizionale conferenza stampa d’estate ha ufficializzato di non candidarsi alle elezioni provinciali dell’autunno 2013. Sul suo successore bocche cucite ma ha prospettato un possibile “gruppo di manager”. In “molti hanno i requisiti necessari per diventare governatore, sicuramente non abbiamo carenza di candidati”, ha affermato Durnwalder.

Il presidente di turno dell’euro regione Tirolo-Alto Adige-Trentino è poi passato ad attaccare il premier Mario Monti, chiedendo più collegialità nelle decisioni che riguardano la sua provincia: ”Il governo Monti deve trattare con la Provincia autonoma di Bolzano sui tagli dovuti alla crisi. Se si proseguirà sulla strada delle scelte unilaterali ci troveremo costretti ad informare Vienna”. Durnwalder infatti ha aggiunto che la sua Regione “non ha fatto debiti” ma comunque è “pronta a fare la sua parte”. Ciononostante ha ribadito il governatore “i tecnici non si curano della specialità dell’autonomia e ci prescrivono quanto dobbiamo pagare”. Quindi, ha spiegato il politico altoatesino, il governo deve avviare una trattativa con Bolzano, altrimenti si renderà necessario il ricorso all’Austria: “Se ne va dell’autonomia – ha detto – l’Austria dovrà per forza intraprendere trattative bilaterali con l’Italia per il rispetto dei trattati internazionali, ricorrendo, se occorre, anche all’Onu”. Durnwalder ha definito irrealistiche ipotesi di secessione o di creazione di un libero Stato ed ha ringraziato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e quello austriaco Heinz Fischer che di recente hanno confermato che saranno a Bolzano in autunno per festeggiare il 20esimo anniversario della chiusura della vertenza internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Salvakiller

next
Articolo Successivo

Riduzione Irpef? Mario Monti smentisce: “Impossibile in questo momento”

next