La Lega Nord ha messo on-line il bilancio 2011, con tanto di certificazione del “buco” da 3 milioni di euro circa attribuito all’ex tesoriere Francesco Belsito, espulso dal partito dopo gli scandali che lo hanno visto coinvolto in prima persona. L’operazione “trasparenza” promossa dal neo segretario Roberto Maroni però potrebbe avere un secondo fine, quello di permettere al Carroccio di ottenere le tranches dei rimborsi elettorali. Il rendiconto del 2010 infatti è stato valutato “opaco” dalla Camera dei deputati, che per questo ha congelato la parte di rimborsi elettorali di settembre, un gruzzoletto da 8 milioni di euro.

Come riporta il Corriere, il conto finanziario del Carroccio non sarebbe difforme dalla norma che ne regola la stesura (1997), ma a seguito delle vicende penali gli organismi parlamentari hanno preteso informazioni a riguardo, che il partito non ha saputo dare. In un primo momento infatti da via Bellerio hanno aderito a quanto certificato da Belsito e poi non hanno fornito i dettagli richiesti dal colleggio parlamentare di Controllo, come espressamente richiesto il 22 maggio scorso. Quindi senza chiarimenti ecco che arriva l’automatico blocco dei rimborsi elettorali. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piemonte, Pdl : “Movimento usa Regione per fare consulenze finanziarie”

prev
Articolo Successivo

Approvato il decreto Sviluppo. Confindustria: “Rilanciare occupazione”

next