Il “killer di Denver” vestito da cattivo di Batman dopo aver massacrato dodici persone (dodici e non 12, perché il numero dei morti, come scrive Erri De Luca, merita di essere scritto per esteso, non sono mele) si è guadagnato le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Tutti parlano di lui. È una tragedia, una barbarie, un fatto sconvolgente.

Leggo di lui analisi psicologiche, molti colleghi si inerpicano nel difficile terreno della sociologia senza avere gli strumenti per farlo.

E io sto qui in Messico e penso. Vivo e lavoro in un paese in cui qualche mese fa hanno trovato quarantanove cadaveri decapitati lungo una strada vicino a Monterrey, la città più ricca del Messico e una delle più ricche di America latina.

A settembre del 2011 hanno lasciato per strada in pieno giorno trentacinque corpi torturati, nudi, incaprettati a Veracruz. Ogni giorno aprendo il giornale sono più le teste mozzate che gli annunci pubblicitari.

Mi chiedo come mai fa notizia se un mitomane prende un fucile e comincia a sparare sulla folla a Denver e non fa notizia che qui sono sei anni che migliaia di persone vengono fatte a pezzi e buttate qua e là, torturate, fatte sparire a migliaia, anzi a decine di migliaia, e ciò non meriti che una breve ogni tanto.

Dice, vabbè, ma sono gli Stati Uniti, il Messico non è poi così importante. Ma è un paese del G20, ha 120 milioni di persone, qui si producono le macchine della FIAT, un sacco di 500 si producono.

Ma evidentemente i morti continuano a non essere tutti uguali.

Vivo in un paese che è diventato uno scannatoio. Qui stragi come quella di Denver sono una ragazzata. Qui se non tagli teste e le appendi per strada come piñatas non sei nessuno.

Magari ci fa orrore solo quello che percepiamo come più prossimo a noi. E sottovalutiamo il fatto che in un paese in cui chiunque può andare al supermercato e comprarsi un AK-47, magari statisticamente qualcuno a un certo punto lo userà.

Su History Channel c’è un programma ambientato in un negozio di armi, dove i commessi si sfidano per vedere chi riesce a vendere più armi da guerra dell’altro. Non è fiction. È entertainment. Il negozio è vero, i commessi pure, i clienti anche.

E qui in Messico le armi arrivano a camionate dagli Stati Uniti manco fossero arance. E succede che vengano usate. 

Non è una gara tra chi può vantare più stragi, più decapitazioni o più sequestri. È una riflessione su come funzionano i nostri media, e come viene confezionata l’informazione.
Non trovo una risposta ma penso che dovremmo leggere più a fondo la realtà e ampliare il nostro sguardo, prima che senza sapere come né da dove, la “barbarie” ci travolga. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, disoccupati marciano a Madrid. Ma anche le regioni rischiano il default

next
Articolo Successivo

Siria, Terzi: “E’ quasi pulizia etnica”. L’esercito fucila 20 ribelli disarmati

next