Cinque giovani tifosi della Sampdoria sono rimasti feriti, tre dei quali in gravi condizioni, nel corso di una rissa scoppiata nella tarda serata di ieri fuori da un locale dove hanno trasmesso la partita Varese-Sampdoria, che ha regalato ai blucerchiati la promozione in serie A. Sul posto è intervenuta la polizia. Secondo una prima ricostruzione la rissa è molto probabilmente scoppiata con tifosi del Genoa. I cinque feriti sono stati denunciati per rissa aggravata. Tutto è accaduto nella zona di Molassana, all’esterno di un locale dove si ritrovano i tifosi della Sampdoria. Dopo la partita, il gruppo, circa 25-30 ragazzi e ragazze, è uscito per festeggiare e a quel punto è scoppiata la rissa. Secondo gli investigatori si è trattato certamente di uno scontro con la tifoseria opposta, ma al momento proseguono le indagini. Peraltro gli stessi feriti non si sarebbero mostrati molto collaborativi con gli investigatori, che stanno cercando di risalire agli altri partecipanti alla rissa. Dei cinque feriti tre sono stati ricoverati in ospedale in modo grave. Due sono in prognosi riservata, un 18enne con una lesione all’addome, un 20enne ferito al polmone. Il terzo ferito ha invece lesioni alle gambe, all’addome e al polso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La mafia brucia le arance, non la speranza

prev
Articolo Successivo

Movimento dei forconi, dalla protesta a una lista per le elezioni siciliane

next