Terrorismo internazionale, i Corleonesi, la strategia della tensione, la Spectre… Sulla bomba di Brindisi abbiamo collezionato un imbarazzante numero di congetture, mandanti e moventi. Oggi scopriamo che (forse) dietro quel massacro c’era la solitaria follia di un un anziano. Se siamo stati educati alla caccia agli untori, se in questo paese si grida subito alle trame e ai complotti, la colpa non è degli italiani ma di chi ha inflitto loro mezzo secolo di colpe senza colpevoli, di reticenze ufficiali, di segreti e di stragi di Stato, di torbide bugie.

In una nazione che scopre solo oggi che le bombe di Capaci e di via D’Amelio furono volute anche da uomini dei Servizi, pretendete che quando scoppia una bombola non si gridi subito alle mafie

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Provenzano, aperta un’inchiesta a Palermo sul (presunto) tentato suicidio

next
Articolo Successivo

Attentato Brindisi, il padre di Melissa: “Chi ha ucciso non è un padre”

next