I traders si svegliano alle cinque del mattino con le borse agli occhi, per vigilare altre borse, senza dubbio più attraenti. Almeno, finanziariamente parlando. I banchieri li seguono, portando borse. Sanno che dovranno traghettare o nascondere miliardi.

Altra gente si alza alla stessa ora e anche un po’ prima: operai, camerieri, segretarie e hostess. Vengono per la maggior parte dall’America Latina, dal sud e dall’est d’Europa. C’è silenzio nei bus notturni. Non c’è mai un inglese a quest’ora. Solo gli ubriachi fanno scena. Ci si sfiora con lo sguardo e si può riconoscere chi va a lavorare in metro (tute blu) e chi in hotel (pantaloni e scarpe nere). Nessuno in strada, a parte quelli che hanno la forza e la voglia di fare jogging.

Poi piano piano il resto dei Londoners si sveglia e sa che dovrà correre. Gli inglesi doc non fanno mai colazione a casa. Entrano nei fast food per prendere caffè e sandwich da portare via. Per strada la gente cammina a passo sostenuto: tutti rigorosamente in scarpe da tennis. C’è chi si ferma a comprare della frutta tra i banchi di un fruttivendolo, mentre macchine, taxi e moto sfrecciano a pochi metri di distanza. Quelli che vanno in bici stanno in mezzo, a bersi tutto lo smog e a schivare pedoni e cacca dei cavalli della polizia. Ma che bello quando dopo otto ore di lavoro in ufficio torni a casa in bici. Niente sgomitate in metro né attese estenuanti alle fermate dei bus. Nessuno stress da trasporto, che si triplicherà in estate durante le Olimpiadi. A proposito, qualcuno è riuscito a riservare almeno un biglietto? No luck at all. C’è la sensazione che la torcia olimpica, Usain Bolt e Koby Bryant passeranno nell’indifferenza di molti.

I Londoners dicono “Olimpiadi” con lo stesso sentimento con cui gli italiani parlano di “crisi”: qualcosa da cui vuoi fuggire ma ci sei dentro fino al collo, e non puoi intervenire. Solo sbuffare. Eh con questa crisi… Eh queste Olimpiadi, oltre a vederle col binocolo devo anche subirne le conseguenze…

Dalle cinque di sera in poi i bar si affollano di uomini in giacca e cravatta e donne in carriera. Birra a fiumi. Gli studenti finiscono le lezioni e si rilassano nei parchi. Almeno quando non piove. Ci sono tantissimi giovani asiatici che passano qui dai sei agli otto mesi per frequentare un corso d’inglese carissimo, o finanziato dai genitori o dallo stesso Stato. C’è chi la scuola non se la può permettere e cerca fortuna come può.

Perché Londra, nell’immaginario di molti, è sempre e ancora Londra: un posto dove imparare un lavoro, buttarsi in qualunque cosa pur di iniziare a poter sognare. Un luogo dove si fa fatica a tessere relazioni sociali, e per questo non un luogo del vivere, ma solo un binario da percorrere temporaneamente per poi fuggire o ripartire ancora. Un passaggio, per molti, verso l’età adulta. O una tappa obbligata, per chi non ha più niente da perdere o semplicemente vuole mettersi in gioco.

Mentre le ambulanze suonano e si destreggiano impazzite, portandosi vite. In una metropoli che affascina e che fa paura. Dove l’alcolismo resta un grave problema, e la violenza non cessa, nelle periferie come nelle vie più famose. A volte ti trovi in mezzo alle risse, a volte le sfiori, altre volte ancora scopri della loro esistenza sfogliando Metro o The Evening Standard. Eppure eri ad un passo. Questione di attimi. Mentre mi risuona nella mente il ritornello di una canzone dei Mattafix: “Vita metropolitana, e io che cerco di andare avanti…”.

di Laura Fois, 25 anni, politologa e blogger 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stampa inglese: anarchici potrebbero colpire durante le Olimpiadi

next
Articolo Successivo

Massacro bambini in Siria, Onu: “I responsabili devono pagare”. Assad nega

next