Potrebbe arrivare dopo l’estate la sentenza del processo su presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv da parte del gruppo Mediaset. Al termine dell’udienza di oggi, infatti, Edoardo D’Avossa, presidente del collegio della prima sezione penale del tribunale di Milano, davanti al quale il procedimento si sta celebrando, ha dichiarato in aula di ritenere chiusa la fase dibattimentale, ma ha comunque dato tempo alle parti per discutere sulla questione. In questo procedimento Silvio Berlusconi è imputato di frode fiscale. Insieme all’ex presidente del Consiglio sono imputati il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, il produttore Frank Agrama. Nel processo era anche imputato l’avvocato inglese David Mills, già condannato e poi prescritto per corruzione in atti giudiziari, ma la Procura aveva chiesto e ottenuto il riconoscimento della prescrizione. A questo punto il prossimo 21 maggio, le difese presenteranno le loro richieste circa eventuali altri testimoni da sentire ma se il tribunale dovesse rimanere fermo sulla posizione assunta oggi e dichiarare chiuso il dibattimento, il 4 giugno potrebbe già esserci la requisitoria del pm Fabio De Pasquale. Il calendario per ora fissato prevede udienze fino a settembre. Sono poi state fissate altre date estive, 11 e 18 giugno, 2 e 16 luglio, e D’Avossa ha garantito che da settembre si svolgerà un’udienza ogni lunedì.

Oggi la difesa ha sentito due testimoni; Ubaldo Livolsi, ex manager del gruppo, e Alfredo Messina, attuale componente del cda. “Che io sappia, Silvio Berlusconi non si è mai occupato dei diritti televisivi” ha detto Livolsi, che alla domanda dell’avvocato Niccolo’ Ghedini se “dopo la quotazione di Mediaset Berlusconi si sia occupato di diritti tv”, ha risposto: “Che io sappia mai”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Processo Eternit, i giudici: “Conoscevano il pericolo. Scelte sciagurate. No attenuanti”

next
Articolo Successivo

Processo Mills, le scelte solitarie del giudice Vitale e la lettera “cancellata”

next