Il web in Francia ha da sempre avuto un ruolo molto importante. Le iniziative, i blog e i servizi che passano attraverso la rete transalpina sono tantissimi. L’utilizzo delle nuove tecnologie e in particolare di Internet si è sviluppato ed è entrato rapidamente nelle case dei francesi grazie anche all’aiuto degli operatori che hanno saputo animare negli anni il mercato dei servizi ADSL, rendendolo un vero pioniere in termini di servizi e costi rispetto agli altri paesi europei. 

Basti pensare che da anni tutti gli operatori includono nei forfait mensili le chiamate verso i numeri fissi all’estero, oltre ad una vasta scelta di canali TV internazionali, senza costi aggiuntivi. Oggi, inoltre, è normale pagare le tasse via Internet, entrare in contatto con l’amministrazione del proprio arrondissement grazie ad una semplice email e ricevere una risposta in tempi relativamente brevi, evitando code agli sportelli dell’amministrazione pubblica. E anche possibile gestire le pratiche amministrative personali tramite un sito unificato, mon.Service-Public.fr, o ancora prenotare un campo comunale da tennis on line

Oltre agli sforzi dell’amministrazione pubblica, la Francia, e in particolare Parigi, è al centro di una rivoluzione in cui il web occupa una parte importante per risolvere i piccoli problemi pratici di tutti i giorni. Ed è cosi che nascono siti come alloresto.fr, per ordinare cibo da asporto con consegna a domicilio, o lafourchette.fr, per trovare un ristorante all’ultimo minuto e magari avere anche uno sconto.   

Altri siti, invece, propongono servizi ben più elaborati, come cambiare appartamento o trovare una stanza in affitto – appartager.com, – trovare amici, compagni di viaggio, bon plans e organizzare da soli o in gruppo una vacanza tramite il social network dei viaggi,  travellution.com – nato e sviluppato a Parigi, – o ancora compravendita tra privati attraverso leboncoin.fr, ben più comune tra i francesi del mastodontico cugino Ebay. 

Il mondo del lavoro non è da meno: in molti uffici, soprattutto nel quartiere della Defense, è consuetudine organizzare il petit déjeuner tra colleghi una volta alla settimana: laviennoiserie.net offre un servizio di organizzazione della colazione d’equipe e di ricerca delle boulangeries. E se un giorno si decide di cambiare lavoro è semplice trovare spunti per una lettera di motivazione grazie ai modelli di niceletter.com.

Anche la fervente scena musicale indipendente e amatoriale approfitta di questa rivoluzione: grazie a allostudio.fr è semplice trovare una sala prove o di registrazione dove preparare il proprio gruppo per la prossima esibizione in qualche locale di Oberkampf, del Canal St Martin o per la Fête de la Musique. Le iniziative sul web non mancano insomma, e si sente più che mai la volontà di affermare soluzioni 2.0 de proximité (di prossimità, ndr) e di produzione locale, nonostante una città come Parigi,  fortemente europea, poliglotta, multiculturale e globale. 

Il bisogno di strumenti per districarsi nella giungla quotidiana parigina trova sempre più consenso nel web e negli smartphone, ormai diffusissimi su larga scala nella Ville Lumière, e queste sono solo alcune delle tante realtà per lanciarsi nella vita virtuale locale, nella speranza che resti sempre e solo un aiuto per migliorare la vita vera, quella fatta di persone reali.

di Emanuele Ghevre, ingegnere informatico

[email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Messico, la mattanza dei narcos continua trovati altri diciotto cadaveri mutilati

prev
Articolo Successivo

Argentina, via libera dal Senato: testamento biologico e morte “dignitosa”

next