Renzo Bossi, detto “il Trota”, e l’agente di polizia Pierangelo Moscagiuro, amico della vicepresidente del Senato Rosi Mauro, hanno conseguito una laurea in una università albanese privata, Kristal, di Tirana.

Il figlio del Senatur il 29 settembre 2010 si è laureato in Gestione aziendale, il poliziotto, invece,  il 29 giugno 2011 in Sociologia. I titoli di studio sono stati sequestrati insieme alla cartella “The family” e ad altri documenti trovati dalla Guardia di Finanza di Milano nella cassaforte dell’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito, nel suo ufficio romano alla Camera. Il Trota ha conseguito la  laurea in appena un anno. Si è diplomato, infatti, nel 2009.

I documenti sono in mano alle procure di Milano e Napoli e al Noe dei carabinieri di Roma.

Il sospetto degli inquirenti è che sia la laurea di Renzo Bossi che di Pier Moascagiuro siano state pagate con i soldi pubblici destinati al Carroccio come rimborsi elettorali.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Andreotti migliora e fa battute, “Mi danno per morto? Porta bene e allunga la vita”

next
Articolo Successivo

Bergamo, arrestato dopo sei ore uomo barricato in sede Agenzia delle Entrate

next