Reggio Emilia ha dedicato il 25 aprile alla legalità e alla lotta contro le mafie. Una iniziativa voluta dal sindaco, e presidente nazionale dell’Anci, Graziano Delrio, che nel suo discorso ha definito le mafie “nuovi invasori”. “Ecco i nuovi nazisti”, ha aggiunto il primo cittadino di fronte a Carolina Girasole e Elisabetta Rosa Tripodi, sindaci di Isola Capo Rizzuto e di Rosarno ribellatesi alle mafie, oggi ospiti d’onore alle celebrazioni di Reggio Emilia.

“Il segno e la parola chiara che vogliamo dire a tutti è che voi non siete sole – ha detto Delrio rivolgendosi alle due donne – e che anche noi non ci stiamo alle non regole della mafia. E che questo lo sentano bene i mafiosi di tutte le latitudini, che minacciano la democrazia e la libertà, a Rosarno, a Capo Rizzuto come in Emilia, in Sardegna, in Lombardia e in tutte le regioni d’Italia. Oggi vogliamo dire a tutti i sindaci d’Italia, a coloro che si battono, imprenditori, gente comune – ha concluso – che condividiamo la stessa battaglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile e 1 maggio al Teatro delle Ariette
I partigiani di Lori e il live di Gianmaria Testa

next
Articolo Successivo

Un numero verde per imprenditori e artigiani a rischio

next