Una volta stabilito che nessuno ha il diritto di essere assassinato, va detto che ciascuno avrebbe il dovere di non essere offensivo e diverse vignette di Charlie Hebdo le sono. E’ una mia opinione. Ricordo una prima pagina di Libero, uno spumante il cui tappo, Silvio Berlusconi, salta in direzione di un sedere a mortadella, quello di Romano Prodi. Qualunque cosa fosse era volgare, ma non aveva meno diritto di essere espressa di qualunque altra parola.

Non si può contrapporre il sangue all’inchiostro, come non si può negare che la satira intelligente è quella che non ha bisogno di essere né volgare né offensiva, specie se ha i contenuti. Anche questa opinione è un diritto ed esprimerla con l’inchiostro è un dovere.

PS. E chi muore altrove non muore di meno che a Parigi (ma sfilare nella polvere di strade sterrate irrita il lucido da scarpe dei capi di Stato).

Charlie-Fogliazza

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mindbook, il social network per bambini autistici o con problemi d’apprendimento

prev
Articolo Successivo

Chioscopoli Modena, pm chiede archiviazione per l’ex sindaco Pd Pighi

next