L'ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito

E’ stato secretato su richiesta della difesa il verbale dell’interrogatorio a cui è stato sottoposto stamane l’ex tesoriere della Lega Francesco Belsito, indagato per truffa e appropriazione indebita nell’ambito dell’inchiesta sui rimborsi elettorali del Carroccio. E la Guardia di finanza ha sequestrato gli 11 diamanti che lui stesso aveva restituito la scorsa settimana dopo che il partito ha fatto sapere alla Procura dei preziosi, dei quali per i pm ne mancherebbe uno, non sono stati comprati per conto della Lega.

Belsito ha consegnato alcuni documenti al procuratore aggiunto Alfredo Robledo e ai pm Antonio Filippini e Roberto Pellicano. Nei prossimi giorni è previsto un secondo confronto tra lui e la Procura. Oggi, a quanto si è appreso, nelle due ore di incontro con i magistrati, l’ex gestore della cassa di via Bellerio si è limitato a rendere dichiarazioni spontanee. Nei giorni scorsi, ai media Belsito aveva detto di avere sempre agito per il bene e nell’interesse della Lega.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inchiesta Finmeccanica, sequestri e perquisizioni in Svizzera

prev
Articolo Successivo

Accusato di concussione, sottosegretario di Scopelliti interdetto da pubblici uffici

next