La corte Suprema indiana ha ammesso il ricorso del governo italiano sulla giurisdizione nel caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Lo scrive la stampa indiana, precisando la che i sommi giudici indiani hanno aggiornato l’udienza. Nel ricorso presentato dall’Italia si definisce illegale la protratta detenzione dei due marò ad opera della polizia del Kerala perché viola il principio dell’immunità sovrana e gli articoli 14 e 21 della costituzione del paese. I giudici hanno chiesto al governo dell’unione indiana e allo stato del Kerala di presentare una memoria. La prossima udienza è stata fissata per il prossimo 8 maggio.

L’Italia sostiene di essere l’unica ad avere la giurisdizione sull’omicidio dei due pescatori indiani avvenuta lo scorso 15 febbraio, perché i due militari si trovavano a bordo della petroliera Enrica Lexie, che al momento della sparatoria si sarebbe trovata in acque internazionali.

Nei giorni scorsi dal governo centrale di Nuova Delhi erano arrivati i primi segnali distensivi, nel momento in cui il ministro della difesa italiana aveva confermato l’intenzione dell’Italia di “donare” 145mila euro a ciascuna delle famiglie dei due pescatori. Dalla capitale avevano comunicato alla corte Suprema di ritenere che la polizia del Kerala non sia stata legittimata a trattenere la petroliera italiana e che non sussista nemmeno la giurisdizione indiana sulla vicenda, aderendo alla tesi italiana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olanda, cade il governo di Mark Rutte sull’austerity imposta da Bruxelles

prev
Articolo Successivo

Francia: Hollande conquista Parigi, Le Pen dilaga in Corsica. Sarkò domina l’Est

next