18 aprile 1993, 19 anni fa, gli italiani aboliscono il finanziamento pubblico ai partiti. Un plebiscito al referendum radicale. Vota sì, per abolirli, il 90,3% dei cittadini. Ma il governo Ciampi, appena otto mesi dopo, fa rientrare dalla finestra il finanziamento cacciato dalla porta. Lo camuffano da rimborso per le spese elettorali…

Tratto da “Servizio Pubblico” del 19 aprile 2012 (guarda tutti i video della puntata)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Calderoli sulla torre antica. Spunta un’altra casa romana, con piscina e vista sul Cupolone

next
Articolo Successivo

Bossi: “Non c’è un reato, quel denaro è nostro Un partito può buttare i soldi dalla finestra”

next