Mentre in Italia il caso Finmeccanica/Lavitola non fa più notizia, soppiantato da scandali più freschi, a Panama i contratti conclusi con il gruppo italiano (con Selex per un sistema di sorveglianza costiera, con Telespazio per un sistema cartografico digitalizzato e con AgustaWestland per una fornitura di sei elicotteri AW139) continuano a procurare grattacapi al presidente della Repubblica Ricardo Martinelli.

I deputati del Prd (Partido revolucionario democrático), attualmente all’opposizione, chiedono perché un sistema radar Lyra-50 di Selex costi alla Turchia 33 milioni di dollari (24 radar), mentre Panama deve pagarlo quasi cinque volte di più (125 milioni per 19 radar) e avanzano il sospetto di una maxitangente.

Martinelli, pressato dalle critiche, ha quindi incaricato il ministro della Sicurezza pubblica, José Raúl Mulino, di incontrare il vicecommissario economico-finanziario e commerciale presso l’Ambasciata italiana a Panama, Saverio Rosini, per chiedere al governo italiano chiarimenti sulla commessa.

I chiarimenti sono arrivati con una nota, datata 19 gennaio, a firma di Massimo Pugnali, responsabile del Coordinamento Commerciale e Sviluppo Mercati del gruppo Finmeccanica, con oggetto “Programmi Finmeccanica a Panama”, indirizzata all’ambasciatore d’Italia a Panama Giancarlo Curcio, che il 20 gennaio l’ha inoltrata al presidente Martinelli e ai ministri degli Esteri, Roberto Henriquez, della Sicurezza, Mulino, e delle Opere pubbliche, Federico Suárez.

Prevedibilmente, nonostante questa lunga “nota in merito alla comprovata regolarità e trasparenza dei predetti contratti” e “la convinzione di Finmeccanica che le forniture delle tre aziende del Gruppo rappresentino quanto di meglio esiste sul mercato, oltre che pienamente rispondenti ai requisiti richiesti dal Governo panamense e che i loro prezzi siano congrui”, i rappresentanti dell’opposizione sono rimasti tutt’altro che convinti.

Secondo Mitchell Doens, segretario generale del Prd, Martinelli, nel tentativo di giustificarsi, avrebbe sfiorato le vette del ridicolo pubblicando la nota e accompagnandola con un comunicato in cui si dichiara che “Finmeccanica smentisce l’opposizione di Panama”.

“Questo comunicato
– ha detto – non ha nessun valore e il presidente Martinelli cerca di assolvere se stesso, le persone del suo governo e la sua famiglia, con uno scritto di gente invischiata negli stessi problemi”.

E’ come – ha spiegato Doens – se Al Capone mandasse una lettera al popolo panamegno per discolpare Pablo Escobar Gaviria, da boss a boss”.

I siti dei giornali locali raccolgono intanto i commenti di lettori inferociti, cittadini di Panama che si rifiutano di credere sia ai comunicati del loro governo che alle note di un’azienda italiana sotto inchiesta in Italia e che, soprattutto, non vogliono essere trattati come “una manica di imbecilli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anche Romney
è stato frainteso

next
Articolo Successivo

All’asta i “souvenir” della morte di Gheddafi

next