“Berlusconi è l’uomo della mafia. È un palermitano che parla meneghino, un palermitano nato nella terra sbagliata e mandato su apposta per fregare il Nord. La Fininvest è nata da Cosa Nostra…” Così, tra 1988 e 1989 Umberto Bossi e il quotidiano la Padania apostrofavano il Cavaliere, la sua azienda e gli intrecci tra politica, economia e criminalità.

E’ praticamente da un quarto di secolo che gli esponenti della Lega si riempiono la bocca di frasi altisonanti contro camorra e mafia e politici corrotti salvo poi salvare dal carcere o dalla sfiducia personaggi come Marco Milanese e Saverio Romano, accusati di associazione a delinquere o concorso esterno in associazione mafiosa. E meno male che a detta dell’ex ministro Maroni “la lotta alla mafia è stata l’iniziativa più importante del governo”. E ogni volta uno sciorinare di numeri sulle mirabolanti imprese dell’era Berlusconi, sui blitz e sugli arresti. Salvo poi insultare la magistratura e tagliare i fondi alle forze dell’ordine, veri esecutori della lotta alla criminalità.

Il no di oggi all’arresto di Cosentino è una delle pagine più disgustose della storia politica degli ultimi anni. Meno di 48 ore fa era stato lo stesso Maroni ad affermare che la Lega avrebbe votato a favore dell’arresto, poi il dietrofront. A dimostrazione che l’asse Berlusconi-Bossi non si è mai veramente incrinato e quando ci sono interessi perversi (e criminali) da difendere i due si ricompattano armoniosamente.

Si plaude all’arresto di Zagaria ma quanto si tratta di indagare e arrestare i presunti soci del medesimo Zagaria si fa dietrofront… Si attacca il meridione per la sua arretratezza e poi si salva dall’arresto chi ha contribuito al suo degrado. E si abbandonano al loro destino i giornalisti come Giovanni Tizian minacciati dalla mafia.

In 309 parlamentari hanno affermano con il voto di oggi  che Cosentino è un galantuomo. Più o meno gli stessi (314 per l’esattezza) che, per accontentare il padrone, hanno giurato che Ruby era la nipote di Mubarak…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

De Magistris torna al processo Why Not
respinta l’eccezione sulla sua testimonianza

prev
Articolo Successivo

Salvi Cosentino e Porcellum. E i cittadini?

next