I soccorritori impegnati da martedì scorso nelle ricerche dopo la devastante alluvione che ha colpito le Cinque Terre e la Lunigiana hanno trovato il corpo di una delle persone ancora disperse a Borghetto Vara. Si tratta di una donna, ritrovata sotto le masserizie di una casa alle periferie del paese. Il giorno della tragedia era in auto insieme al marito: il loro percorso era stato deviato per motivi di sicurezza. Ciononostante erano stati travolti dal fango. L’uomo era riuscito a trarsi in salvo. E’ stato proprio lui a riconoscere sua moglie, grazie ad una collana che indossava. La salma verrà trasferita all’Istituto di Medicina Legale della Spezia.

Sale così a otto il numero dei morti accertati nell’alluvione in Liguria e Toscana del 25 ottobre, che ha visto cadere oltre 367mila metri cubi di pioggia, il doppio della capacità del lago del Vajont. Ma il numero dei dispersi è ancora alto, le ricerche proseguono e il bilancio delle vittime potrebbe salire ancora.

Di vera e propria apocalisse avevano parlato sin dalle prime ore i residenti delle zone interessate: interi paesini spazzati via dal fiume di fango e detriti. Abitazioni distrutte, strade sprofondate su se stesse, ferrovie bloccate. Con quella di oggi, sono sei le persone morte nel comune spezzino di Borghetto Vara, quello che ha subìto i danni maggiori in termini di vite umane.

Due invece le vittime ad Aulla, nella Lunigiana: un uomo e una donna, entrambi sorpresi dalla piena del fiume magra.

Pesantemente investiti dall’alluvione anche i comuni delle Cinque Terre di Vernazza e Monterosso. Nella seconda località i danni sono ingenti, pari a circa 30 milioni di euro. “Monterosso non esiste più” aveva detto il primo cittadino Angelo Betta.

Intanto il governo ha dichiarato lo stato di emergenza per le Regioni di Liguria e Toscana e stanziato una prima tranche di aiuti pari a 65 milioni di euro. Ma sulle modalità con le quali è stata affrontata l’emergenza è esplosa la rabbia dei cittadini, che hanno lanciato con delle pale il fango contro le auto a bordo delle quali erano il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli e il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini. Il consigliere leghista dello stesso comune, Michele Lecchini, ha ricevuto addirittura un pugno in faccia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cosenza, il parroco suona a morto le campane della chiesa dopo ogni aborto

prev
Articolo Successivo

Chi rappresenta l’Italia all’estero?
Il “revisore di conti” Antonio Razzi

next