Finalmente è arrivata la notizia: hanno ucciso Gheddafi. E già nella prima parola della mia frase c’è la maledizione del tiranno: è in grado di spingerti a essere contento, perché qualcuno che per buone ragioni detestavi è stato raggiunto e abbattuto. Ma l’ultimo delitto del tiranno è farti uguale a lui, portatore di un’immensa produzione di sangue. Infatti, poco dopo l’annuncio, impreciso e contraddittorio, arrivano le immagini disumane. Coloro che, sterminati sulle piazze perché chiedevano libertà, sono diventati ribelli e hanno preso le armi, hanno compiuto il rito barbaro della vendetta, dell’umiliazione e della distruzione fisica del corpo odiato fino al suo punto estremo.

Queste ore ci dicono che il cadavere sfigurato di Gheddafi non è l’ultimo atto della violenza né l’inizio di una nuova vita. È solo la fine di una lunga tragica storia di dominio assoluto divenuto sempre più folle e ridicolo, uno spettacolo torbido, recitato in parte anche in Italia, che ormai sembrava senza fine. Poi questa fine spaventosa è arrivata. Ma il male che Gheddafi, come altri squallidi tiranni, ha fatto al suo Paese e al mondo (mai dimenticare il suo attivo ruolo nel terrorismo, mai dimenticare l’orrore freddo di Lokerbie, mai dimenticare le sue carceri e le sue esecuzioni) dura due volte: durante il suo potere, perché tanti servi si inchinano, si piegano, si conformano. Parlo soprattutto dei profittatori un po’ ignobili che cercavano favori baciandogli la mano; parlo di quei governanti che gli restituivano in pompa magna il boia di Lockerbie per rientrare alla corte dell’assassino.

La seconda volta è adesso, per tutte le crudeltà, le vendette, le esecuzioni che si compiranno, in apparenza come rito di libertà, ma invece come irresistibile imitazione del maledetto esempio.
Il mondo civile – come noi definiamo noi stessi – ha poco da insegnare. Basta dire “speriamo”, o dovremmo lavorare con tutte le nostre forze per interrompere la catena maledetta che porta da violenza a violenza, da vendetta a vendetta, per guadagnarci una libertà mite, da conservare e offrire come non abbiamo mai fatto?

Il Fatto Quotidiano, 21 ottobre 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, il comitato per il No all’acqua pubblica batte cassa per i rimborsi dallo Stato

next
Articolo Successivo

Parla il blocco nero: “Gli indignati? deboli
e destinati a sparire. Ci vuole l’insurrezione”

next